La scienza in bottiglia

di Laura Rossi

Come diceva Einstein pensando al genere umano “la mente funziona solo se si apre”. E qual è il modo migliore per far sì che si apra se non stimolarne la curiosità? Questo vale soprattutto per i bambini nei quali la curiosità diventa il motore che stimola la conoscenza. La curiosità cognitiva porta il bambino ad assumere un atteggiamento scientifico. La curiosità, la voglia di esplorare e il gusto della scoperta favoriscono nel bambino la costruzione di modi di pensare e di interpretare la realtà che lo circonda. Per questo si potrebbe paragonarlo ad uno scienziato; infatti entrambi esprimono questa propensione a scoprire e a apprendere cose sul mondo ma con una sostanziale differenza: lo scienziato possiede già “il fare scientifico” invece il bambino deve gradualmente imparare i modi, le tecniche, gli strumenti per interrogare la realtà. Per intraprendere percorsi di tipo scientifico nella scuola dell'infanzia bisogna partire dalla realtà che circonda i bambini. La scienza è tutta intorno a loro, è in casa, è dentro e fuori dalla scuola. A scuola i bambini possono compiere esperienze che gli permettano di “pensare agendo” e fare percorsi scientifici utili a sperimentare, porsi domande, trovare risposte e riformularne altre. Nel paragrafo successivo mostrerò come si possono dimostrare principi scientifici, in maniera semplice, usando delle bottiglie di plastica.

 
   Leggi nella rivista n° 8 2017/2018 pag 25 ...    

Gennaio 2019

Gennaio 2019

Editoriale

La formazione on the job per un sapere fertilizzato dall’esperienza lavorativa

di Ivana Summa

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: approfondimenti

La formazione in servizio tramite una pluralità di modelli

di Luciano Lelli

 

Dalle funzioni dei sistemi educativi al ruolo dei docenti

di Feldia Loperfido e Giuseppe Ritella

 

La formazione dei docenti: inderogabile, permanente e strutturale

di Marco Pellizzoni e Borra Stefania

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: attualità

Dentro la notizia giornalistica: agenzie, quotidiani e comunicatori… alla prova dei fatti

di Alessandro Ferioli

 

Un nuovo regionalismo per la scuola

di Gian Carlo Sacchi

 

SCUOLA DELL’INFANZIA

Il teatro nella scuola dell’infanzia: come e perché

di Claudia Forni

 

Avventure in moto. Facciamo finta che… Immagini, racconti, parole

di Alessia Sansoni

 

SCUOLA PRIMARIA

Logica, previsione, metacognizione: il gioco degli scacchi

di Rosanna Rinaldi

 

Alla fine della storia

di Rita Quinzio

 

SCUOLA SECONDARIA I GRADO

Ulisse: viaggio nel personaggio dai tanti volti

di Michela Agazzani

 

Senza por tempo in mezzo, il Consiglio di classe riflette sul da farsi…

di Mimosa Crestani

 

“Ritratto di spalle” l’eroe romantico e i rapper maledetti

di Francesca Falsetti

 

SCUOLA SECONDARIA II GRADO

Hunger Games e il mito di Teseo

di Laura Azzoni

 

Per un’educazione alla cittadinanza digitale

di Elisabetta Imperato

 

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI

Cittadini del Mondo... Una sfida per i CPIA

di Rosalba Cardamone

 

Rubriche

 

Le Parole della Scuola

Continuità

di Ivana Summa

 

Arte Musica e Spettacolo

Tratti & Ritratti

di Nicoletta Tomba

 

Legislazione e normativa scolastica

Il disegno di legge sulla videosorveglianza negli asili nido e nelle scuole dell’infanzia

di Anna Armone

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo