Leggere lo sport, un binomio da maratoneti dell’inclusione

di Anna Alemanno

Leggere è per alcuni una passione, per i più un'esperienza culturale, per molti un bisogno indotto, per altri ancora, un'insignificante forzatura dal sapore di condanna. Ètra gli studenti che si riscontrano i maggiori segnali di insofferenza quando i docenti assegnano pagine di libri da studiare o semplicemente da leggere. Leggere in tal caso si sostanzia di precisi obiettivi formativi e didattici: comprendere, acquisire scorrevolezza, ricchezza lessicale, correttezza orto-morfo-sintattica, sviluppare competenze metalinguistiche e capacità di astrazione, ma anche (però spesso solo in fine) evadere, divertirsi, stare bene e condividere quell'immaginario collettivo che è alla base dell'intesa tra coetanei. I docenti fanno la loro parte come è loro richiesto, le cose vanno così da sempre: si assegnano i libri da leggere agli studenti, si verifica che li abbiano letti e compresi utilizzando le strategie di rilevazione più o meno tradizionali, più o meno alternative: verifica orale, scritta, disegnata, mappata, infografica, multimediale. Ogni tanto, però, varrebbe la pena di lasciarsi andare alla lettura senza alcun altro scopo se non quello di vivere un'esperienza narrativa condivisa che lasci il segno.

 

   Leggi nella rivista n° 8 2017/2018 pag 49 ...    

Gennaio 2019

Gennaio 2019

Editoriale

La formazione on the job per un sapere fertilizzato dall’esperienza lavorativa

di Ivana Summa

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: approfondimenti

La formazione in servizio tramite una pluralità di modelli

di Luciano Lelli

 

Dalle funzioni dei sistemi educativi al ruolo dei docenti

di Feldia Loperfido e Giuseppe Ritella

 

La formazione dei docenti: inderogabile, permanente e strutturale

di Marco Pellizzoni e Borra Stefania

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: attualità

Dentro la notizia giornalistica: agenzie, quotidiani e comunicatori… alla prova dei fatti

di Alessandro Ferioli

 

Un nuovo regionalismo per la scuola

di Gian Carlo Sacchi

 

SCUOLA DELL’INFANZIA

Il teatro nella scuola dell’infanzia: come e perché

di Claudia Forni

 

Avventure in moto. Facciamo finta che… Immagini, racconti, parole

di Alessia Sansoni

 

SCUOLA PRIMARIA

Logica, previsione, metacognizione: il gioco degli scacchi

di Rosanna Rinaldi

 

Alla fine della storia

di Rita Quinzio

 

SCUOLA SECONDARIA I GRADO

Ulisse: viaggio nel personaggio dai tanti volti

di Michela Agazzani

 

Senza por tempo in mezzo, il Consiglio di classe riflette sul da farsi…

di Mimosa Crestani

 

“Ritratto di spalle” l’eroe romantico e i rapper maledetti

di Francesca Falsetti

 

SCUOLA SECONDARIA II GRADO

Hunger Games e il mito di Teseo

di Laura Azzoni

 

Per un’educazione alla cittadinanza digitale

di Elisabetta Imperato

 

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI

Cittadini del Mondo... Una sfida per i CPIA

di Rosalba Cardamone

 

Rubriche

 

Le Parole della Scuola

Continuità

di Ivana Summa

 

Arte Musica e Spettacolo

Tratti & Ritratti

di Nicoletta Tomba

 

Legislazione e normativa scolastica

Il disegno di legge sulla videosorveglianza negli asili nido e nelle scuole dell’infanzia

di Anna Armone

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo