CONCORSO DIRIGENTI SCOLASTICI: Pubblicato il bando in Gazzetta Ufficiale

Presentazione delle domande dal 29 novembre al 29 dicembre

Sul sito del MIUR è stata data notizia dell'avvenuta pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del bando di concorso a 2.425 posti per dirigenti scolastici, di cui 9 destinati al concorso Friuli Venezia Giulia,per coprire i posti vacanti del prossimo triennio.

 

REQUISITI PER PARTECIPARE

Al corso-concorso possonopartecipare  i docenti e il personale educativo di ruolo in possesso del diploma di laurea magistrale, specialistica o diploma accademico di secondo livello rilasciato da istituzioni dell’AFAM,  con contratto a tempo indeterminato e confermati in ruolo, (anche se in anno di prova per passaggio da un ruolo precedente) purché abbiano maturato un servizio di almeno cinque anni, anche antecedente alla stipula del contratto a tempo indeterminato.

Tre le fasi previste per la selezione: una concorsuale vera e propria, una formativa di due mesi e una di tirocinio presso le scuole.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le domande di partecipazione potranno essere presentate dal 29 novembre al 29 dicembre 2017 tramite la piattaforma POLIS.

Gli Uffici scolastici regionali verificheranno il possesso dei requisiti di accesso di coloro che hanno presentato domanda, individueranno le sedi di svolgimento della prova preselettiva in ragione della disponibilità di postazioni informatiche, abbineranno i candidati alle sedi di svolgimento della prova.

Nel frattempo un apposito Comitato Tecnico Scientifico Nazionale , nominato dal MIUR, dovrà predisporre una banca dati  di 4000 quesiti  a risposta multipla, che saranno  resi noti  sul sito del MIUR almeno 20 giorni prima della data di svolgimento della prova preselettiva che sarà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 27 febbraio 2018.

 

POSTI MESSI A CONCORSO

I posti messi a concorso sono 2.425 (di cui 9 per il Friuli Venezia Giulia). E' prevista la riserva massima di posti del 5% per i ricorsi pendenti.

Gli ammessi al corso di formazione e al tirocinio saranno 2.899.

Attualmente sono 6.792 i dirigenti scolastici in servizio, 1.189 i posti vacanti, 1.748 le reggenze, tenendo conto anche di scuole sottodimensionate e dei distacchi (comandi) presso altre amministrazioni o sindacali.
I posti banditi corrispondono ai posti vacanti nell’anno scolastico in corso, più quelli che si renderanno liberi a seguito dei pensionamenti nel 2018/2019, 2019/2020 e 2020/2021, detratti quelli che si possono coprire con le graduatorie esistenti nonché quelli delle scuole sottodimensionate (che non possono avere un dirigente titolare).

 

LE DATE DI SVOLGIMENTO DEL CONCORSO

Le date di svolgimento del concorso saranno  comunicate nella Gazzetta Ufficiale del 27 febbraio 2018.

Tra la prova preselettiva e la prova scritta passeranno non meno di 20 giorni.

 

 

LE PROVE DI ESAME

PRESELEZIONE

La fase concorsuale prevede una prova preselettiva unica a livello nazionale nel caso in cui le candidature siano almeno tre volte superiori ai posti messi a concorso. I candidati dovranno rispondere a 100 quiz che saranno estratti  casualmente da una banca dati  di 4000 quesiti resa nota tramite pubblicazione sul sito del Ministero almeno 20 giorni prima dell’avvio della prova. Le domande punteranno a verificare le conoscenze di base per l’espletamento delle funzioni dirigenziali. La prova sarà svolta al computer. Saranno ammessi alla prova scritta, in base al punteggio ottenuto (il massimo è 100), un numero di candidati pari a tre volte il numero dei posti disponibili per il corso di formazione dirigenziale.
A ciascuna risposta esatta sarà attribuito 1 punto, 0 punti alla risposta non data, - 0,3 alla risposta sbagliata.

La prova preselettiva consisterà in 100 quesiti a cui rispondere nel tempo massimo di 100 minuti.

Al termine della prova, che  si svolgerà nelle sedi individuate in ciascuna regione dagli USR anche in più sessioni, a ciascun candidato verrà immediatamente restituito il punteggio complessivo conseguito.

Considerato che il Regolamento prevede l’ammissione alla prima fase del concorso di un numero di candidati pari al triplo di quelli successivamente  ammessi al corso di formazione dirigenziale (numero dei posti a concorso maggiorato del 20%), saranno ammessi alla prima fase del concorso i candidati che, sulla base del punteggio conseguito, risulteranno collocati nei  primi  8697  posti e nei posti immediatamente successivi con pari punteggio dell’ultimo.

PROVA SCRITTA E ORALE

Al test preselettivo seguiranno una prova scritta e una prova orale e, solo per  2899 candidati, un corso dirigenziale di 240 ore  seguito da un tirocinio di 4 mesi presso un’istituzione scolastica. Al termine del tirocinio un’ulteriore prova scritta e un colloquio consentiranno di selezionare i dirigenti scolastici da assegnare ai 2425 posti vacanti.

La prova scritta prevede:

-    cinque domande a risposta aperta su: normativa del settore istruzione, organizzazione del lavoro e gestione del personale, programmazione, gestione e valutazione presso le scuole, ambienti di apprendimento, diritto civile e amministrativo, contabilità di Stato, sistemi educativi europei.

-    due domande a risposta chiusa in lingua straniera (livello B2) su: organizzazione degli ambienti di apprendimento, sistemi educativi europei.
I candidati che otterranno il punteggio minimo di 70 punti potranno accedere all’orale che mira ad accertare la preparazione professionale degli aspiranti dirigenti anche attraverso la risoluzione di un caso pratico. Saranno testate anche le conoscenze informatiche e di lingua straniera. Entrambe le fasi sono uniche a livello nazionale.
I candidati che supereranno le prove scritta e orale sarannoammessi, sulla base di una graduatoria che tiene conto anche dei titoli, al corso di formazione dirigenziale e di tirocinio selettivo, finalizzato all’arricchimento delle competenze professionali delle candidate e dei candidati.
Due i mesi di lezione in aula previsti e quattro quelli di tirocinio a scuola, che potranno essere integrati anche da sessioni di formazione a distanza. Al termine i candidati dovranno affrontare una valutazione scritta e un colloquio orale. Saranno dichiarati vincitori del corso-concorso  i candidati che saranno collocati in posizione utile in graduatoria generale di merito.

NOMINA DELLE COMMISSIONI

Parallelamente all’avvio della procedura concorsuale, intorno alla metà di dicembre  verrà pubblicato il bando per la selezione dei componenti della commissione esaminatrice e delle sottocommissioni (una per ogni gruppo di 250 candidati ammessi alla prova scritta).

 

 




 

 

Febbraio 2019

Febbraio 2019

Editoriale

Valutazione interna e valutazione esterna in sinergia: per un servizio non invasivo alla formazione

di Luciano Lelli

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: approfondimenti

Il circuito della valutazione

di Ivana Summa

 

La valutazione tra esiti e processi

di Loredana De Simone

 

Nuovi paradigmi per la formazione degli insegnanti

di Marco Bardelli

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: attualità

Le norme vigenti sulla valutazione: dalle disposizioni all’attivazione

di Maria Rosaria Mazzella

 

SCUOLA DELL’INFANZIA

Insegnante di sostegno, educatrice o assistente di base?

di Alessia Sansoni

 

SCUOLA PRIMARIA

Formare per “ben stare”

di Emanuela Cren

 

Imparare... leggendo

di Gheti Valente

 

Arte e fede: “Maria nell’economia della salvezza” Parte seconda

di Monica Piolanti

 

SCUOLA SECONDARIA I GRADO

Biblioteche, un’occasione irrepetibile di contaminazione fra analogico e digitale

di Gabriele Benassi

 

A voce alta - La forza della parola. Per un progetto di eloquenza a scuola

di Vincenzo Palermo

 

SCUOLA SECONDARIA II GRADO

“katà ghèn kai katà thàlassan (per mare e per terra) - Tutti sulla stessa barca”

di Donatella Iacondini

 

Un esempio di intervento migliorativo in una organizzazione complessa e mutevole: la scuola

di Marco Pellizzoni

 

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI

La donna è come l’acqua: un’esperienza di didattica attiva nel CPIA

di Lia Peretti

 

Rubriche

Lettera al Direttore

di Luciano Lelli

 

Maestri del PASSATO che parlano al PRESENTE

Tolstoj: l’utopia di Jasnai Poliana

di Gianni Balduzzi

 

Le Parole della Scuola

Ricerca didattica  

di Luciano Lelli

 

Scuole che innovano

Laboratorio e oltre: progetto “Bio Orientiamoci”

di Lucia Peressini, Claudia Pinti

 

Arte Musica e Spettacolo

“Scappa - Get Out” e l’arte (violenta) della critica sociale

di Vincenzo Palermo

 

Legislazione e normativa scolastica

L’attività deliberativa del collegio dei docenti. La procedura

di Anna Armone

 

Un LIBRO al mese

Federico Rampini, Quando inizia la nostra storia

di Ivana Summa

 

 

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo