Insegnante legata e presa a calci dagli alunni di una prima delle superiori

Un episodio che ha dell’incredibile è accaduto in un istituto tecnico dell’alessandrimo, di cui tacciamo il nome perché la docente interessata non ha sporto denuncia. Gli alunni di una classe prima si sono avventati contro una professoressa, fragile e con difficoltà nella deambulazione, l’hanno legato alla sedia e l’hanno presa a calci mentre qualcuno di loro riprendeva la scena per diffonderla su Instagram.

In soccorso della docente è intervenuto un alunno di un’altra classe che, accortosi di quanto stava accadendo, ha chiamato il bidello, che ha poi liberato l’insegnante, visibilmente spaventata.

L’episodio risale a qualche mese fa. Messo al corrente di quanto accaduto, il Consiglio di istituto ha deciso di sanzionare l’intera classe conun mese di sospensione ma con obbligo di frequenza, e lavori socialmente utili: i ragazzi andranno nelle altre classi dell’istituto e dovranno svuotare i cestini per l’intero anno scolastico.

Contro questa decisione si sono schierati alcuni insegnanti ritenendola inadeguata.

Sul corriere.it una versione diversa dell’accaduto viene data dal dirigente scolastico secondo il quale l’insegnante non sarebbe stata legata e presa a calci ma solamente derisa: “Particolarmente timida e un po’ impacciata, ha chiesto ad alcuni ragazzi di scrivere alcune frasi alla lavagna. Ne hanno un po’ approfittato. C’è stata qualche risata di troppo e qualcuno le ha messo dello scotch nella borsetta dell’insegnante. Nessun l’ha legata e, tanto meno, presa a calci. Qualcuno poi ha ripreso con il cellulare mettendo in rete le immagini, le stesse poi tolte dai social”.

Fanno pensare le dichiarazioni dei genitori riprese dal corriere.it: “Vittima questa volta sono i ragazzi, si sono visti descrivere come delinquenti, sono stati demonizzati ingiustamente. È vero che hanno mancato di rispetto ad una insegnante che per altro ha delle difficoltà fisiche, deridendola e non dando ascolto alle sue richieste, è vero che è intervenuto un ragazzo più grande a riportare ordine, ma è assolutamente falso ed infamante che l’insegnante sia stata legata su una sedia, che sia stata presa a calci e pugni la sedia stessa. Come è assolutamente falso che filmati dell’accaduto siano stati postati sui social”.

Comunque sia andata, se i genitori sono questi, non ci si può aspettare di meglio dai figli!

Novembre 2020

Novembre 2020

Editoriale

La nostra scuola non riesce a guarire dal virus dell'iniquità sociale

di Ivan Summa

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: l’attualità

I concorsi per reclutare docenti professionisti

di Ivana Summa  

 

I PCTO ai tempi del Corona Virus

di Maria Grazia Accorsi

 

Lavarsi le mani: non solo un modo di dire

di Pirchia Schildkraut

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: riflessioni

La scuola come “luogo simbolico” … non solo in tempi di emergenza …

di Andrea Porcarelli

 

Cosa è un curricolo

di Flavia Marostica

 

Analisi dei bisogni formativi

di Gian Carlo Sacchi

 

LE COMPETENZE: progettazione, didattica, valutazione

L’apprendimento oltre l’aula: diventare cittadini nel sociale

di Loredana De Simone

 

Il curricolo per competenze nella scuola dell’infanzia e del 1° ciclo

La ricerca didattica per migliorare le nostre scuole

di Maria Rosaria Mattera

 

Alla scoperta delle parole

di Gheti Valente

 

Il curricolo per competenze nella scuola degli adulti

E quest’anno balliamo il DiDiInPA

di Nicoletta Morbioli

 

Rubriche

Esperienze DIGITALI

Dopo la DAD: emergenza formazione

di Enrico Marani, Luigi Parisi

 

Il CURRICOLO della CREATIVITà

SENZA PAROLE: la grammatica della comunicazione non verbale

di Alessia De Pasquale

 

Il DIRIGENTE e il suo STAFF

La lunga storia del reclutamento dei docenti. è possibile un lieto fine?

di Anna Armone

 

LIBRI di SCUOLA LIBRI per la SCUOLA

Un bellissimo libro tra scienze naturali, storia e educazione alla cittadinanza

di Flavia Marostica

 

Precedenti

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo