Maestra di scuola materna arrestata per maltrattamenti

Sembra un gioco al rimpallo: da un lato si registrano atti di violenza nei confronti degli insegnanti da parte di genitori e studenti e dall’altro si ripetono episodi di violenza da parte di insegnanti nei confronti degli studenti. Un ennesimo caso di maltrattamenti a bambini piccoli vede protagonista una maestra di scuola materna di 45 anni, arrestata dai Carabinieri della frazione di Varedo in provincia di Monza sulla base di un’indagine condotta con l’ausilio di videoregistrazioni. La donna è stata accusata di avere, più di cento volte tormentato i suoi piccoli allievi durante lo svolgimento delle sue lezioni con aggressioni verbali e materiali. L'ordine di custodia cautelare agli arresti domiciliari, è stato eseguito dai militari dell'arma per ordine del giudice per le indagini preliminari della cittadina lombarda.

Sembra che la maestra non perdesse occasione di vessare in maniera vistosa i bambini. Durante la lezione li obbligava a stare seduti immobili a braccia conserte per diverse ore, molto spesso li strattonava e li molestava verbalmente, oppure li prendeva a ceffoni.Non permetteva nemmeno di poter correre in bagno per poter espletare i propri bisogni. In una occasione la presunta colpevole ha obbligato un bambino ad asciugare l'acqua che aveva fatto cadere per terra con il proprio fazzolettino del viso personale, coprendolo di insulti e poi mettendo i piedi lei stessa nel medesimo fazzolettino.

La denuncia ai carabinieri è pervenuta grazie alla segnalazione di alcuni genitori delle piccole vittime, che hanno allertato i militari preoccupati dai racconti che avevano udito dai loro figlioli. In particolare i genitori erano rimasti perplessi notando il senso di paura che scorgevano nei loro figli al solo sentir nominare l'insegnante tanto chiacchierata.

 

Dicembre 2018

Dicembre 2018

Editoriale

Una concezione “classica”: il docente educa insegnando

di Luciano Lelli

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: approfondimenti

L’insegnante e la funzione educativa della scuola

di Ivana Summa

 

Dalle classi alla storia: riflessioni sul curricolo verticale

di Feldia Loperfido e Giuseppe Ritella

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: attualità

Cosa può fare la scuola contro il bullismo?

di Rossella De Luca

 

Essere o dover essere un docente oggi?

di Loredana De Simone

 

SCUOLA DELL’INFANZIA

Le ragioni di un progetto

di Alessandra Fregonese

 

La professionalità didattica ed educativa del docente di sostegno

di Bianca Martino

 

SCUOLA PRIMARIA

Emozioni in musical: un’esperienza teatrale e musicale

di Elisabetta Renda

 

Arte e fede: “Maria nell’economia della salvezza”

di Monica Piolante

 

SCUOLA SECONDARIA I GRADO

Un caso di disturbi aspecifici di apprendimento

di Mimosa Crestani

 

SCUOLA SECONDARIA II GRADO

Alternanza scuola lavoro e competenze di cittadinanza

di Elisabetta Imperato

 

Letteratura pop e social

di Trifone Gargano

 

La multidisciplinarietà si gioca in team, ma anche guardando oltre le discipline

di Anna Alemanno

 

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI

“Nun so’ bono!”... o della strategia di apprendere dai propri limiti

di Anna Uttaro

 

Rubriche

Lettera al direttore

 

Maestri del passato che parlano al presente

Raffaello Lambruschini e la scuola di San Cerbone

di Nicola Serio

 

Le Parole della Scuola

Le parole della scuola: creatività

di Luciano Lelli

 

Scuola che innovano

Una innovativa sfida educativa… verso la creatività del pensiero

di Caterina Bagnardi

 

Arte Musica e Spettacolo

Alla ricerca dell’arte diffusa: caccia al tesoro

di Nicoletta Tomba

 

Legislazione e normativa scolastica

La natura giuridica dei processi decisionali collegiali nella scuola

di Anna Armone

 

Dall’ufficio di segreteria

Il Piano triennale dell’offerta formativa (PTOF) 2019/2022 e la Rendicontazione sociale RS

di Marsa Bassani

 

Un libro al mese

Il bilancio sociale nella scuola: due contributi illustrativi

di Ivana Summa

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo