Alternanza scuola lavoro: quest’anno studenti senza obbligo di orario minimo

Con nota 7194 del 24.04.2018 il MIUR, rispondendo a quesiti in materia di attività di alternanza scuola lavoro, ha chiarito che per il triennio 2015-2018 gli studenti non avevano alcun obbligo di frequenza di un monte ore minimo di attività per essere ammessi agli esami:

“Come è noto, ai sensi dell’articolo 1, comma 33 e seguenti, della legge 13 luglio 2015, n. 107, i percorsi di alternanza scuola lavoro di cui al decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 77, sono attuati, negli istituti tecnici e professionali, per una durata complessiva, nel secondo biennio e nell’ultimo anno, di almeno 400 ore e, nei licei, per una durata complessiva di almeno 200 ore nel triennio. Tale disposizione, entrata in vigore nell’anno scolastico 2015/2016 limitatamente alle classi terze, risulta attualmente a pieno regime, coinvolgendo la totalità degli studenti delle classi terze, quarte e quinte attivate nel corrente anno scolastico. Ai fini dell’ammissione dei candidati interni all’esame di Stato, si osserva che, per l’anno scolastico 2017/2018, la normativa nulla dispone circa l’obbligo, per le studentesse e gli studenti, di aver svolto un monte ore minimo di attività di alternanza scuola lavoro nell’ultimo triennio del percorso di studi. Potranno essere ammessi all’esame di Stato, quindi, anche le studentesse e gli studenti che non hanno completato il numero minimo di 400/200 ore nel secondo biennio e nell’ultimo anno. È il caso, ad esempio, degli studenti ripetenti l’ultimo anno del percorso di studi nell’a.s. 2017/2018, i quali non hanno avuto l’opportunità di svolgere esperienze di alternanza nel secondo biennio, poiché non previste dall’ordinamento come attività pienamente curricolari”.

nota 7194 del 24 aprile 2018,

Marzo 2021

Marzo 2021

EDITORIALE

Quadrare il cerchio

di Ivana Summa

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: l’attualità

Scuola e volontariato: legami da rinsaldare per il benessere delle persone e delle Comunità

di Cinzia Migani

 

La competenza imprenditoriale e la ‘generazione covid’: ex malo bonum

di Maria Grazia Accorsi

 

Il lessico pandemico

di Pirkia Schilkraut

 

“Zitti e buoni”, se potete…

di Rossella De Luca

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: riflessioni

Cosa resta del corpo?

di Feldia Loperfido e Giuseppe Ritella

 

Dalla macroprogettazione alla microprogettazione

di Flavia Marostica

 

Il “tesoro” dell’educazione come compito e sfida per la comunità

di Andrea Porcarelli

 

L’autonomia e il progetto di istituto

di Gian Carlo Sacchi

 

LE COMPETENZE: progettazione, didattica, valutazione

Il curricolo per competenze nella scuola dell’infanzia e del 1° ciclo

L’approccio delle comunità di pratica per mettere in comune le risorse professionali all’interno di un servizio 0-6

di Roberta Roversi

 

Il curricolo per competenze nella scuola del 2° ciclo

Identikit di una professione: l’educatrice

di Sabrina Agosto

 

Il curricolo per competenze nella scuola degli adulti

A.A. cercasi vero ruolo dei CPIA

di Nicoletta Morbioli

 

Rubriche

 

Esperienze DIGITALI

Blended Learning: flessibilità, progettazione e compiti

di Letizia Mazzanti

 

Il CURRICOLO della CREATIVITà

“Se fossi in te”. Il teatro come strumento per capire gli altri

di Alessia De Pasquale

 

Il DIRIGENTE e il suo STAFF

Spiegare la Privacy ai bambini. Si può, si deve!

di Anna Armone

 

LIBRI di SCUOLA LIBRI per la SCUOLA

Romanzi di “formazione”: rileggere Anna dai capelli rossi

di Magda Indiveri

 

Precedenti

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo