Concorso straordinario docenti scuola primaria e dell’infanzia: come si svolge la prova orale

Il concorso straordinario per i docenti abilitati per l’insegnamento nella scuola primaria e dell’infanzia è  previsto dal decreto ministeriale 17 ottobre 2018.
Le domande si possono presentare attraverso Istanze online dal 12 novembre al 12 dicembre 2018.

QUANDO SI SVOLGERÀ LA PROVA ORALE

Il calendario delle prove orali sarà definito dalle commissioni del concorso che, in seduta pubblica, estrarranno la lettera dalla quale iniziare. I candidati saranno avvertiti, almeno 20 giorni prima della data prevista, attraverso l’indirizzo di posta elettronica indicato nella domanda. I calendari saranno anche pubblicati sui siti degli uffici scolastici regionali.

SU COSA VERTE LA PROVA ORALE

La prova orale, per il posto comune e per il sostegno, verte sui contenuti indicati nell’allegato A al DM 17 ottobre 2018. Le tracce da estrarre sono predisposte dalla commissione in numero pari a tre volte quello dei candidati previsti.

 

QUANDO AVVERRÀ L’ESTRAZIONE DELLA TRACCIA

Ciascun candidato estrae la traccia su cui svolgere la prova 24 ore prima dell’orario programmato. Le tracce estratte sono escluse dai successivi sorteggi

COME SI SVOLGE LA PROVA ORALE PER I POSTI COMUNI

La prova consiste nella progettazione di un’attività didattica, con l’illustrazione delle scelte contenutistiche didattiche, metodologiche compiute e di esempi di utilizzo pratico delle TIC.
La prova orale avrà una durata non superiore a 30 minuti e sarà distinta per i posti relativi alla scuola dell’infanzia e primaria, ha per oggetto il programma definito dall’allegato A del DM e valuta la padronanza delle discipline in relazione alle competenze metodologiche e di progettazione didattica e curricolare, anche mediante l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.
La commissione interloquisce con il candidato e accerta anche la conoscenza della lingua straniera.
Per la scuola dell’infanzia l’accertamento riguarda comprensione scritta (lettura) e produzione orale (parlato) in una lingua a scelta tra francese, inglese, spagnolo o tedesco almeno al livello B2. 
Per la scuola primaria, al fine del conseguimento dell’idoneità all’insegnamento della lingua inglese, la prova orale valuta l’abilità di comprensione scritta (lettura) e produzione orale (parlato) in lingua inglese almeno a livello B2 e la relativa competenza didattica. I criteri di valutazione sono basati sulle griglie nazionali (Allegato B al DM).

 

COME SI SVOLGE LA PROVA ORALE PER I POSTI DI SOSTEGNO

La prova consiste nella progettazione di un’attività didattica, con l’illustrazione delle scelte contenutistiche didattiche, metodologiche compiute e di esempi di utilizzo pratico delle TIC.
La prova orale per i posti di sostegno verte sul programma definito dall’allegato A del DM, valuta la competenza nelle attività di sostegno agli allievi con disabilità volte alla definizione di ambienti di apprendimento, alla progettazione didattica e curricolare per garantire l’inclusione e il raggiungimento di obiettivi adeguati alle possibili potenzialità e alle differenti tipologie di disabilità, anche mediante l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. La prova prevede accertamenti linguistici analoghi a quelli previsti per i posti comuni, anche se per primaria non si parla di idoneità per l’insegnamento della lingua inglese.
I criteri di valutazione sono basati sulle griglie nazionali (Allegato B al DM).

CHE PUNTEGGIO SI ASSEGNA ALLA PROVA ORALE

Alla prova orale è assegnato un punteggio massimo di 30 punti: non è previsto un punteggio minimo. Alla capacità di comprensione e conversazione nella lingua straniera sono assegnati massimo 5 punti dei 30. Alle competenze sull’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione sono assegnati massimo 4 punti dei 30.

Settembre 2020

Settembre 2020

Editoriale

La scuola della cittadinanza 

di Ivan Summa

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: l’attualità

L’educazione civica ai blocchi di partenza: alcuni interrogativi pedagogici

di Andrea Porcarelli

 

EDUCAZIONE CIVICA: un curricolo trasversale nel curricolo d’istituto

di Manuela Pettinari

 

Patti Educativi di Comunità

di Maria Grazia Accorsi

 

Lezioni di Autonomia: il paesaggio istituzionale

di Gian Carlo Sacchi

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: riflessioni

Il «sapere didattico» per l’insegnamento/apprendimento intenzionali

di Flavia Marostica

 

Sviluppo o apprendimento? Questo è il problema

di Feldia Loperfido e Giuseppe Ritella

 

LE COMPETENZE: progettazione, didattica, valutazione

Una nuova identità pedagogico-educativa della scuola

di Loredana De Simone

 

Analizzare, confrontare e valutare criticamente per una cittadinanza attiva e digitale

di Nicoletta Calzolari

 

Il curricolo per competenze nella scuola dell’infanzia e del 1° ciclo

Piccoli archeologi crescono: una proposta sostenibile per ridare valore e spessore ad una disciplina trasversale nel primo ciclo di istruzione

di Silvia Bernardi

 

Rubriche

Esperienze DIGITALI

Escursioni digitali e scatti di viaggio. Quali sono le immagini che può trattare la scuola?

di Nicoletta Tomba

 

Scuole che INNOVANO

DiM, il dizionario multilingue fatto dagli studenti

di Lia Pensabene

 

Il CURRICOLO della CREATIVITà

Parliamo bene. La forma che esalta il contenuto

di Alessia De Pasquale

 

Il DIRIGENTE e il suo STAFF

Il Regolamento di istituto, il Patto di corresponsabilità educativa e la dad

di Anna Armone

 

LIBRI di SCUOLA LIBRI per la SCUOLA

Un libro molto utile per l’insegnamento dell’Educazione civica

di Flavia Marostica

Precedenti

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo