Il nuovo “Sistema di misura e valutazione della performance”

 

Il Ministro Marco Bussetti ha firmato il decreto di adozione del nuovo “Sistema di misurazione e valutazione della performance” del Miur, in vigore già a partire da quest’anno, al fine di migliorare la qualità dei servizi offerti dal Ministero ai cittadini e far crescere le competenze professionali del personale attraverso la valorizzazione del merito.

Le nuove disposizioni, che sono state anche oggetto di apposito confronto con le organizzazioni sindacali, si sono rese necessarie per aggiornano il sistema di valutazione del Miur alla luce delle recenti modifiche normative intervenute sul decreto legislativo 150 del 2009 in materia di riforma della Pubblica Amministrazione. Alla loro formulazione si è adoperato un tavolo tecnico predisposto ad hoc e coordinato dall’Organismo Indipendente di Valutazione della performance(OIV) scaduto da due anni e riattivato dal Ministro Bussetti. Le novità relative al Sistema di misurazione e valutazione della performance.

Per Bussetti “Il nuovo Sistema sarà uno strumento fondato sulla profonda connessione tra programmazione, obiettivi, risorse, attività e risultati del Miur. Vogliamo che il nostro Ministero funzioni sempre meglio, che sia sempre più efficiente e offra servizi di qualità ai cittadini, a partire dai suoi numerosissimi dipendenti”.

In forza di questo testo, precisa il Ministro, “riduciamo fortemente gli spazi di discrezionalità– e introduciamo criteri e parametri di misurazione e valutazione più oggettivi. Il nuovo Sistema ci consentirà di avere maggiore trasparenza all’esterno e allo stesso tempo di gestire meglio il lavoro all’interno dei nostri uffici: ci permetterà di monitorare la nostra azione, di correggere il tiro in caso di bisogno e di valorizzare il lavoro del personale del Ministero”.

Tra le novità introdotte si evidenzia l’eliminazione del meccanismo dell’autovalutazione della performance della macchina organizzativa e amministrava del Miur, che avverràseguito di un processo di valutazione precisamente scandito nelle fasi e nei tempi, sulla base di criteri più oggettivi, e che coinvolgerà figure dirigenziali e non, quindi affidando con chiarezza con chiarezza ruoli specifici ai principali attori che sono parte del ciclo della performance e riconoscendo il contributo dato da ciascun dipendente in relazione al diretto grado di responsabilità.

La valutazione comprenderà le attività degli enti vigilati o partecipati dal Ministero e rivolgerà particolare attenzione anche al parere dei cittadini e degli utenti esterni, attraverso questionari einiziative dedicate).Riguardo alla valutazione dei singoli dipendenti si prevedono procedure di conciliazione in caso di disaccordo sul giudizio finale.

Dicembre 2019

Dicembre 2019

Editoriale

L'attività di ricerca e sperimentazione è il fondamento dell'autonomia scolastica

di Ivana Summa

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: l’attualità

La costruzione del curricolo di istituto al centro del Piano Triennale dell’Offerta Formativa

di Giacomo Mondelli

 

Il sistema delle competenze dallo studente alla scuola, andata e ritorno

di Feldia Loperfido e Giuseppe Ritella

 

Il curricolo per competenze, nel nostro sistema scolastico

di Gian Carlo Sacchi

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: riflessioni

Ragionare per competenze in vista di una progettazione consapevole

di Andrea Porcarelli

 

Le discipline ovvero il «sapere esperto». Alcune riflessioni preliminari

di Flavia Marostica

 

LE COMPETENZE: progettazione, didattica, valutazione

 

Una didattica motivante per un apprendimento significativo

di Loredana De Simone

 

Il curricolo per competenze nella scuola dell’infanzia e del 1° ciclo

La scuola come contesto di apprendimento

di Gheti Valente

 

Creare e divertirsi con la matematica: l’officina del GIOCO

di Luca Bonomi

 

Il curricolo per competenze nella scuola del 2° ciclo

Leggere l’Eneide nel terzo millennio? Un percorso tra iconografia rinascimentale e attualità

di Donatella Iacondini

 

Il curricolo per competenze nella scuola degli adulti

Cooperative Learning nell’istruzione degli adulti: perché no?! Come si può utilizzare nella formazione degli adulti?

di Nicoletta Morbioli

 

Rubriche

Esperienze DIGITALI

Il piano inclinato del piano nazionale scuola digitale

di Gabriele Benassi

 

Scuole che INNOVANO

L’importanza di inFORMARE sulle Competenze

di Manuela Pettinari

 

Il CURRICOLO della CREATIVITà

“Trame emotive. Tessere competenze con l’arte”

di Nicoletta Tomba

 

Il DIRIGENTE e il suo STAFF

Gli insegnanti, gli studenti e la voglia matta di pubblicare immagini

di Anna Armone

 

LIBRI di SCUOLA LIBRI per la SCUOLA

Due libri per capire meglio i giovani che oggi sono a scuola

di Flavia Marostica

 

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo