Vaccinazioni obbligatorie:Gli adempimenti delle istituzioni scolastiche

Vaccinazioni obbligatorie:Gli adempimenti delle istituzioni scolastiche

di Sandro Valente

L'8 giugno 2017 è entrato in vigore il Decreto Legge7 giugno 2017, n. 73

che detta disposizioni urgenti in mate­ria di pre­venzione di alcune malattie nei confronti dei minori di età  compresa tra 0 e 16 anni

Le vaccinazioni obbligatorie e gratuite sono finalizzate a contrastare l’insorgere di 12 malattie (poliomelite, difterite, tetano, epatite B, pertosse, Ha- emophilus influenzae di tipo B, meningococco B, meningococco C, morbillo, rosolia, parotite e varicella).

I dirigenti delle istituzioni scolastiche statali  nonché i responsabili dei servizi educativi per l’infanzia, dei cen­tri di formazione professionale regionale e delle scuole private non paritarie, hanno l'obbligo  di richiedere ai genitori (o a coloro che hanno la responsabilità genitoriale)  del minore di allegare, al momento dell’iscrizione alla scuola, il documento che attesti le avvenute vaccinazioni.

La certificazione può essere sostituita da un’autocertificazione, o dalla for­male richiesta di vaccinazione all’azienda sanitaria locale.

 

Situazioni particolari

  1. in caso di avvenuta immunizzazione a seguito di malattia naturale  è escluso l'obbligo di vaccinazione. In tal caso, al mo­mento dell’iscrizione, i genitori esercenti la responsabilità  genitoriale o i  tutori dovranno consegnare la notifica effettua­ta dal medico curante o gli esiti dell’analisi sierologica.
  2. le vaccinazioni possono essere omesse o differite, qualo­ra arrechino un accertato pericolo per la salute. In tal caso, il genitore, al momento dell'iscrizione a scuola del figlio deve allegare un do­cumento che attesti l’esonero, l’omissione o il differimento.
  3. per diminuire il rischio di con­tagio i minori interessati, di norma, saranno inseriti in classi con solo vacci­nati o immunizzati, fermo restando il numero delle classi autorizzato.

 Per i servizi educativi per l'infanzia e le scuole dell’infanzia, ivi incluse le private non paritarie,  la presentazione della documentazione  attestante le avvenute vaccinazioni costituisce requisito di accesso. Per gli altri gradi di istruzione, la presentazione della documentazione non costituisce requisito di accesso alla scuola o agli esami

 

Sanzioni

I genitori che non osservano l'obbligo di vaccinazione incorrono in una sanzione da 500 a 7.500, a eccezione di quelli che, contestati da parte dell’azien­da sanitaria locale, provvedano, nel termine indicato nell’atto di contestazione, a far sommi­nistrare al minore il vaccino o, almeno, la prima dose del ciclo vacci­nale, da completare poi nel rispetto delle tempistiche stabilite dalla schedula vaccinale.

 

I termini entro cui espletare l'obbligo

l'adempimento va espletato  entro il termine di scadenza dell'iscrizione a scuola.

Per l'anno scolastico 2017/2018, detto termine è stato fissato al 10 settembre 2017.

La regola generale prevede che, se si è presenta l’autocertificazione, la documen­tazione comprovante le vacci­nazioni effettuate deve essere presentata entro il 10 luglio di ogni anno.

Limitatamente all'anno scolastico 2017/18 il ter­mine è fissato al 10/3/2018.

 

Ulteriori adempimenti da parte dei dirigenti scolastici

I dirigenti scolastici, nonché i respon­sabili dei centri professionali e dei servizi per l’infanzia devono

-         entro il 31/10 di ogni anno, comunicare all'Azienda Sanitaria Locale,  le classi con più di due studenti non vaccinati.

-         entro 10 giorni, se­gnalare all’Asl competen­te la mancata presentazione della documentazione all'atto dell’iscrizione.

Mentre alle ASL è demandato il compito di segnalare l’inadempimento alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni.

 

 

Abrogazione  di norme

Dalla data di entrata in vigore del decreto sono abrogate:

- l’art. 47 del dpr 1518/1967 che vieta l’ammissione alla scuola o agli esami degli alunni che non provino di essere stati sottoposti alle vaccinazioni e rivaccinazioni obbligatorie;

- l’art. 3, secondo comma, della legge 51/1966 che stabilisce un’ammenda in caso di viola­zione dell’obbligo di vaccina­zione antipoliomielitica;

- l'art. 7, comma 2, della legge 165/1991 che detta la sanzio­ne in caso di inosservanza dell’obbligo di vaccinazione contro l’epatite virale B.

 

 

 Sintesi adempimenti

 

Adempimenti

Al momento dell’iscrizione, i genitori o i tutori  devono presentare un documento che certifichi l’effettuazione delle vaccinazioni (o mediante autocertificazione), l’esonero, l’omissione, o il differimento o la formale richiesta di vaccinazioni all’azienda sanitaria. Per i servizi educativi per l’infanzia e le scuole dell’Infanzia la presentazione della documentazione è requisito di accesso.

 

Scadenze

L’adempimento va espletato entro il termine di scadenza per l’iscrizione, per l’anno 2017/18 entro il 10/09/17.

Se si presenta un’autocertificazione, la documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni deve essere presentata entro il 10 luglio di ogni anno. Limitatamente all'anno scolastico 201772018 IL termine è fissato al  10/03/2018.

 

Esclusioni

I vaccini sono esclusi solo in caso di accertato pericolo per la salute e quando l’immunizzazione è avvenuta in seguito a malattia naturale.

 

Inosservanze

In caso di inosservanza è prevista l'applicazione di una sanzione pecuniaria da 500 a 7.500 euro per chi non faccia vaccinare i figli. Non vi incorrono i genitori, che contestati da parte dell’azienda sanitaria locale, provvedano, nel termine indicato nell’atto di contestazione, a far somministrare al minore il vaccino.

 

 

 

 

 

 

Febbraio 2019

Febbraio 2019

Editoriale

Valutazione interna e valutazione esterna in sinergia: per un servizio non invasivo alla formazione

di Luciano Lelli

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: approfondimenti

Il circuito della valutazione

di Ivana Summa

 

La valutazione tra esiti e processi

di Loredana De Simone

 

Nuovi paradigmi per la formazione degli insegnanti

di Marco Bardelli

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: attualità

Le norme vigenti sulla valutazione: dalle disposizioni all’attivazione

di Maria Rosaria Mazzella

 

SCUOLA DELL’INFANZIA

Insegnante di sostegno, educatrice o assistente di base?

di Alessia Sansoni

 

SCUOLA PRIMARIA

Formare per “ben stare”

di Emanuela Cren

 

Imparare... leggendo

di Gheti Valente

 

Arte e fede: “Maria nell’economia della salvezza” Parte seconda

di Monica Piolanti

 

SCUOLA SECONDARIA I GRADO

Biblioteche, un’occasione irrepetibile di contaminazione fra analogico e digitale

di Gabriele Benassi

 

A voce alta - La forza della parola. Per un progetto di eloquenza a scuola

di Vincenzo Palermo

 

SCUOLA SECONDARIA II GRADO

“katà ghèn kai katà thàlassan (per mare e per terra) - Tutti sulla stessa barca”

di Donatella Iacondini

 

Un esempio di intervento migliorativo in una organizzazione complessa e mutevole: la scuola

di Marco Pellizzoni

 

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI

La donna è come l’acqua: un’esperienza di didattica attiva nel CPIA

di Lia Peretti

 

Rubriche

Lettera al Direttore

di Luciano Lelli

 

Maestri del PASSATO che parlano al PRESENTE

Tolstoj: l’utopia di Jasnai Poliana

di Gianni Balduzzi

 

Le Parole della Scuola

Ricerca didattica  

di Luciano Lelli

 

Scuole che innovano

Laboratorio e oltre: progetto “Bio Orientiamoci”

di Lucia Peressini, Claudia Pinti

 

Arte Musica e Spettacolo

“Scappa - Get Out” e l’arte (violenta) della critica sociale

di Vincenzo Palermo

 

Legislazione e normativa scolastica

L’attività deliberativa del collegio dei docenti. La procedura

di Anna Armone

 

Un LIBRO al mese

Federico Rampini, Quando inizia la nostra storia

di Ivana Summa

 

 

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo