Quali possibili obiettivi per una valutazione iniziale

di Nicoletta Calzolari

Le Indicazioni Nazionali sottolineano che " La valutazione precede, accompagna e segue i percorsi curricolari." ed è proprio nel concetto di precedere che possiamo collocare la valutazione iniziale. All'inizio di ogni anno scolastico, indipendentemente dall'età degli/lle alunni/e, durante i primi mesi di scuola organizzo ambienti, attività, giochi, con lo scopo di  effettuare osservazioni, più o meno sistematiche, che mi permettano di conoscere e comprendere i bambini monitorando le loro caratteristiche e i loro cambiamenti. L'osservazione diviene lo strumento che consente di raccogliere le informazioni necessarie al fine di proporre percorsi e progetti didattico-educativi coerenti con la situazione reale in cui mi trovo ad operare. La valutazione iniziale, o diagnostica, ha come scopo principale quello di conoscere gli alunni e il gruppo classe-sezione. Dal momento che per valutare un microsistema ( la sezione composta da specifici alunni) abbiamo bisogno di effettuare delle misurazioni, dobbiamo chiarire quali dati vogliamo analizzare e come vogliamo raccorglierli; inoltre dobbiamo definire l'oggetto della nostra osservazione/rilevazione. Dipendentemente dall'età degli alunni possiamo ragionare in merito a cosa sia utile ed indispensabile valutare ad inizio anno scolastico.

 

   Leggi nella rivista n° 1 2018/2019 pag 23 ...    

Maggio 2019

Maggio 2019

Editoriale

I PON per creare un sistema d’istruzione e formazione di elevata qualità

di Ivana Summa

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: approfondimenti

La didattica come arte e come scienza: tattiche e strategie per l’implementazione della sua efficacia formativa

di Luciano Lelli

 

Le politiche europee e i PON

di Feldia Loperfido e Giuseppe Ritella

 

Didattiche difensive

di Filippo Cancellieri

 

Mi ricordo, sì mi ricordo

di Umberto Savini

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: attualità

Il docente educatore del XXI secolo: educare le Life skills

di Carmelina Maurizio

 

Ricerca-azione e modelli di progettazione didattica

di Nicola Serio

 

Competenze, titoli di studio, occupazione giovanile

di Gian Carlo Sacchi

 

SCUOLA DELL’INFANZIA

Avventure in moto

di Alessia Sansoni

 

SCUOLA PRIMARIA

Disegnare con le parole

di Rita Quinzio

 

Insegnanti e genitori di oggi: possono diventare empatici?

di Monica Piolanti

 

SCUOLA SECONDARIA I GRADO

Matematica in gioco: tutti pazzi per Geometriko

di Luca Bonomi

 

Didattica innovativa ed educazione per l’innovazione

di Delia Dami

 

SCUOLA SECONDARIA II GRADO

Gestire la comunicazione in classe

di Elisabetta Imperato

 

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI

Quando lo studio diventa una risorsa che modifica in meglio il corso della vita

di Mimosa Crestani

 

Rubriche

Maestri del PASSATO che parlano al PRESENTE

Il “sistema preventivo” di Don Giovanni Bosco

di Alessandro Ferioli

 

Le Parole della Scuola

Flessibilità organizzativa e didattica

di Ivana Summa

 

Arte Musica e Spettacolo

Perché fare Musica?

di Carla Vazzola

 

Dall’ufficio di segreteria ...

Fondi strutturali tra opportunità e incongruenze

di Filippo Cancellieri

 

Un LIBRO al mese

Letture per conoscere meglio l’UE

di Flavia Marostica

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo