Una esperienza innovativa: il tablet strumento motivante per gli apprendimenti

di Rosanna Rinaldi

Prima di iniziare la descrizione dell’esperienza vissuta dell’uso del tablet nella classe terza della sezione di primaria dove insegno, vorrei soffermarmi brevemente a notare come l’iniziativa abbia positivamente coinvolto tutti in spirito di fattiva collaborazione: me, i bambini della classe, i genitori degli alunni della classe, la dirigente scolastica. Si è rivelato un bell’esempio di applicazione di entusiasmo e impegno nei riguardi di un obiettivo concreto da realizzare, deciso e perseguito insieme con l’intento primario di facilitare alcune attività scolastiche e secondario di far entrare in modo ponderato l’extrascuola in classe.

Premetto che io personalmente non sono un’appassionata di strumenti elettronici di comunicazione: ho sempre apprezzato l’utilità del computer specialmente per scrivere e creare facilmente testi multimediali, per fare ricerche veloci per approfondire argomenti disciplinari, per creare in Power Point slides da usare a scuola: ma da sempre parlo poco al mio phablet e la mia rubrica è essenziale, non seguo nessun social network, solo in Whatsapp scambio, sempre con parsimonia, messaggi e foto con familiari e amici, in alcune occasioni. Comunicare mi piace: mi piace molto anzi parlare, ma a quattr’occhi dove linguaggio mimico-gestuale e verbale meravigliosamente si fondono in un insieme di segni verbali e tratti soprasegmentali.

 

   Leggi nella rivista n° 1 2018/2019 pag 26 ...    

Novembre 2018

Novembre 2018

Editoriale

Il team teaching: dimensione razionale e dimensione emozionale

di Ivana Summa

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: approfondimenti

Il Team modulare della primaria: possibile paradigma dell’insegnamento cooperativo

di Filippo Cancellieri

 

Il team-teaching

di Feldia Loperfido e Giuseppe Ritella

 

L’insegnante responsabile di efficienza e di efficacia

di Umberto Savini

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: attualità

Come sta la Buona Scuola? Analisi disincantata e modeste proposte

di Luciano Lelli

 

Radiografie al sistema scolastico e formativo

di Gian Carlo Sacchi

 

La co-progettazione tra team teaching, multi e interdisciplinarità

di Loredana De Simone

 

SCUOLA DELL’INFANZIA

Lo sfondo integratore: oltre la forma e l’apparenza,  la sostanza

di Sabrina Devona

 

Accoglienza e allestimenti

di Tìndara Rasi

 

SCUOLA PRIMARIA

La valutazione degli alunni nel I Ciclo d’Istruzione: le innovazioni introdotte dal Decreto Legislativo n. 62/2017

di Monica Piolanti

 

Team teaching: agire complesso, condiviso, fattibile

di Emanuela Cren

 

SCUOLA SECONDARIA I GRADO

Ricchi di parole, ricchi di pensiero

di Michela Agazzani

 

SCUOLA SECONDARIA II GRADO

Un esempio di co-progettazione didattica per conseguire competenze dal profilo europeo

di Marco Pellizzoni e Stefania Borra

 

La Bellezza tra virtù e virtuale

di Elisabetta Imperato

 

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI

Apprendere da adulti: alcune soluzioni pratiche per un’organizzazione flessibile della didattica

di Carla Deiana

 

RUBRICHE

Lettera al direttore

 

Maestri del passato che parlano al presente

Il primo maestro “moderno”: Vittorino da Feltre

di Gianni Balduzzi

 

Le Parole della Scuola

Collegialità docente

di Ivana Summa

 

Arte Musica e Spettacolo

Re della terra selvaggia: educare alla costruzione del sé

di Vincenzo Palermo

 

Legislazione e normativa scolastica

Il Patto di corresponsabilità educativa. Ha valenza giuridica?

di Anna Armone

 

Un libro al mese

Ancora Edgar Morin, Conoscenza Ignoranza Mistero

di Luciano Lelli

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo