La scienza in bottiglia

di Laura Rossi

Come diceva Einstein pensando al genere umano “la mente funziona solo se si apre”. E qual è il modo migliore per far sì che si apra se non stimolarne la curiosità? Questo vale soprattutto per i bambini nei quali la curiosità diventa il motore che stimola la conoscenza. La curiosità cognitiva porta il bambino ad assumere un atteggiamento scientifico. La curiosità, la voglia di esplorare e il gusto della scoperta favoriscono nel bambino la costruzione di modi di pensare e di interpretare la realtà che lo circonda. Per questo si potrebbe paragonarlo ad uno scienziato; infatti entrambi esprimono questa propensione a scoprire e a apprendere cose sul mondo ma con una sostanziale differenza: lo scienziato possiede già “il fare scientifico” invece il bambino deve gradualmente imparare i modi, le tecniche, gli strumenti per interrogare la realtà. Per intraprendere percorsi di tipo scientifico nella scuola dell'infanzia bisogna partire dalla realtà che circonda i bambini. La scienza è tutta intorno a loro, è in casa, è dentro e fuori dalla scuola. A scuola i bambini possono compiere esperienze che gli permettano di “pensare agendo” e fare percorsi scientifici utili a sperimentare, porsi domande, trovare risposte e riformularne altre. Nel paragrafo successivo mostrerò come si possono dimostrare principi scientifici, in maniera semplice, usando delle bottiglie di plastica.

 
   Leggi nella rivista n° 8 2017/2018 pag 25 ...    

Maggio 2019

Maggio 2019

Editoriale

I PON per creare un sistema d’istruzione e formazione di elevata qualità

di Ivana Summa

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: approfondimenti

La didattica come arte e come scienza: tattiche e strategie per l’implementazione della sua efficacia formativa

di Luciano Lelli

 

Le politiche europee e i PON

di Feldia Loperfido e Giuseppe Ritella

 

Didattiche difensive

di Filippo Cancellieri

 

Mi ricordo, sì mi ricordo

di Umberto Savini

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: attualità

Il docente educatore del XXI secolo: educare le Life skills

di Carmelina Maurizio

 

Ricerca-azione e modelli di progettazione didattica

di Nicola Serio

 

Competenze, titoli di studio, occupazione giovanile

di Gian Carlo Sacchi

 

SCUOLA DELL’INFANZIA

Avventure in moto

di Alessia Sansoni

 

SCUOLA PRIMARIA

Disegnare con le parole

di Rita Quinzio

 

Insegnanti e genitori di oggi: possono diventare empatici?

di Monica Piolanti

 

SCUOLA SECONDARIA I GRADO

Matematica in gioco: tutti pazzi per Geometriko

di Luca Bonomi

 

Didattica innovativa ed educazione per l’innovazione

di Delia Dami

 

SCUOLA SECONDARIA II GRADO

Gestire la comunicazione in classe

di Elisabetta Imperato

 

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI

Quando lo studio diventa una risorsa che modifica in meglio il corso della vita

di Mimosa Crestani

 

Rubriche

Maestri del PASSATO che parlano al PRESENTE

Il “sistema preventivo” di Don Giovanni Bosco

di Alessandro Ferioli

 

Le Parole della Scuola

Flessibilità organizzativa e didattica

di Ivana Summa

 

Arte Musica e Spettacolo

Perché fare Musica?

di Carla Vazzola

 

Dall’ufficio di segreteria ...

Fondi strutturali tra opportunità e incongruenze

di Filippo Cancellieri

 

Un LIBRO al mese

Letture per conoscere meglio l’UE

di Flavia Marostica

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo