Campionati sportivi studenteschi: piena inclusione degli studenti con disabilità

Campionati sportivi studenteschi: piena inclusione degli studenti con disabilità

In occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, il MIUR ha lanciato il nuovo progetto tecnico dei Campionati nazionali studenteschi che prevede, d’intesa con il Comitato Italiano Paralimpico (CIP), che gli alunni con disabilità possano gareggiare alla pari dei coetanei. L’iniziativa parte già da questo anno scolastico.

Presentando il progetto, il Ministro Fioramonti ha sottolineato: “L’Italia è stata la prima ad abolire le classi speciali e a consentire l’integrazione degli alunni con disabilità nelle classi comuni. In occasione della Giornata Internazionale delle persone con disabilità sono felice di condividere la scelta di abolire le ‘categorie speciali’ nelle gare sportive scolastiche. Questa decisione promuove concretamente l’inclusione nelle nostre aule e il valore della partecipazione. Con questo approccio inclusivo possiamo essere dei pionieri e degli innovatori a livello globale”.

Sulla stessa linea laVice Ministra Anna Ascani che, in conferenza stampa, ha dichiarato: “La scuola italiana si conferma il luogo dell’inclusione per eccellenza nella nostra società: attraverso il Progetto Tecnico dei Campionati Studenteschi abbiamo deciso, d’intesa con il Comitato Italiano Paralimpico, di superare le gare separate per soli studenti con disabilità. Già da quest’anno i giovani sportivi dei nostri istituti, con disabilità o meno, parteciperanno alle stesse gare. E via via, nei prossimi mesi stabiliremo con precisione regole inclusive per tutti e per tutte le competizioni. Il nostro Paese ha eliminato da decenni le cosiddette ‘classi speciali’, nell’inclusione scolastica siamo all’avanguardia. Ma siamo consapevoli che c’è ancora tanto da fare. Sia per le attività curricolari, che per quelle extra. Sono contenta di aver presentato questa importante novità oggi, in occasione della Giornata Mondiale della Disabilità: date come questa ci ricordano che il nostro impegno per garantire i diritti di tutti non deve mai venire meno”.

Il progetto prevede l’abolizione di quattro delle sei ‘categorie speciali’ nell’attività sportiva a scuola. Tutti gli studenti avranno le stesse opportunità di gareggiare in competizioni più eque possibili, compensando i diversi livelli di funzionalità fisica. Negli sport individuali, gli allievi con disabilità concorreranno alla pari con gli altri compagni. Negli sport di squadra saranno invece parte integrante del team. Lo sport inclusivo riguarderà anche la pallacanestro e il calcio a 5 integrati che, per la prima volta, approderanno alle finali nazionali dei Campionati Studenteschi. Per il momento, restano attive le categorie speciali per gli studenti non vedenti e con ridotta mobilità, per l’impossibilità di gareggiare in condizioni di totale eguaglianza con i compagni. Il progetto tecnico ha raccolto il parere favorevole delle principali associazioni che operano nel campo dell’inclusione sociale.

Per l’attività sportiva scolastica a livello territoriale, le risorse finanziarie messe a disposizione per quest’anno scolastico ammontano a 2,7 milioni di euro con un aumento di circa il 70%.

Settembre 2021

Settembre 2021

EDITORIALE

Il desiderio di insegnare, il desiderio di apprendere

Ivana Summa

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: l’attualità

Il piano nazionale 0-6 per il quinquennio 2021-2025. Ipotesi di sviluppo in relazione con i provvedimenti di cui alla legge di bilancio 2020 e l’avvio delle azioni previste nel PNRR

Gabriele Ventura

 

Inizia un nuovo anno scolastico all’insegna dell’incertezza

Gian Carlo Sacchi

 

Giovani e rischio alcol in era covid-19

Pirkia Schilkraut

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: riflessioni

Prospettive pedagogiche di Agenda ONU 2030: quali sfide per la scuola?

Andrea Porcarelli

 

La formazione del personale docente in servizio: obbligatoria, permanente e strutturale - Focus sulla formazione CLIL

Marco Pellizzoni e Letizia Cinganotto

 

Blockchain a scuola, blockchain e scuola. Un nuovo paradigma, ma anche un nuovo punto di vista

Damiano Verda

 

LE COMPETENZE: progettazione, didattica, valutazione

Una scuola competente in progettazione didattica

Ivana Summa

 

Il curricolo per competenze nella scuola dell’infanzia e del 1° ciclo

 “LA TIN EDUC - (ET) - RASI SUMUS!” Un originale progetto per apprendere la lingua latina in chiave civica nella scuola d’infanzia

Tìndara Rasi

 

La scuola “media”: sessant’anni e non sentirli

Daniele Barca

 

Il curricolo per competenze nella scuola del 2° ciclo

Progetto: Parità di genere Obiettivo 5 Agenda 2030

Selvaggia Pezone

 

Il curricolo per competenze nell’istruzione per gli ADULTI

Una stella che brilla di luce propria 

Nicoletta Morbioli

 

RUBRICHE

Esperienze DIGITALI

Pensare con le mani: il Tinkering

Alessandra Serra

 

Il CURRICOLO della CREATIVITA'

L’arte di pensare il teatro. Piccola guida per passare dall’idea alla composizione scritta

Alessia De Pasquale

 

Il DIRIGENTE e il suo STAFF

È immaginabile e possibile lo sviluppo della carriera del docente?

Anna Armone

 

LIBRI di SCUOLA LIBRI per la SCUOLA

Spunti per insegnare l’educazione civica

Flavia Marostica

Precedenti

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo